Qualche libro di Philip Dick – Traboccante

Salve lettori! Due giorni fa è arrivato il corriere e siccome non sto più nella pelle voglio subito farvi vedere cosa ho trovato nei pacchetti!
10885521_899622500148345_5059769566642274129_nVi anticipo che è da un po’ di tempo che voglio immergermi completamente in qualche libro fantascientifico come si deve.
Grazie alla Fanucci negli ultimi mesi ho scoperto Philip Dick e ho iniziato a cercare qualche informazione su questo autore, ma ancora non mi ero decisa a comprare nulla.
Finché “Libraccio” mi ha proposto due dei suoi titoli in super offerta in Remainders al 65%, ho colto l’occasione e ne ho ordinati due!

La svastica sul sole di Philip K. Dick

413+vVh5HIL._BO1,204,203,200_Le forze dell’Asse hanno vinto la seconda guerra mondiale e l’America è divisa in due parti, l’una asservita al Reich, l’altra ai Giapponesi.

Sul resto del mondo incombe una realtà da incubo: il credo della superiorità razziale ariana è dilagato a tal punto da togliere ogni volontà o possibilità di riscatto.

L’Africa è ridotta a un deserto, vittima di una soluzione radicale di sterminio, mentre in Europa l’Italia ha preso le briciole e i Nazisti dalle loro rampe di lancio si preparano a inviare razzi su Marte e bombe atomiche sul Giappone.

Sulla costa occidentale degli Stati Uniti i Giapponesi sono ossessionati dagli oggetti del folklore e della cultura americana, mentre gli sconfitti sono protagonisti di piccoli e grandi eventi.

E l’intera situazione è orchestrata da due libri: il millenario I Ching, l’oracolo della saggezza cinese, e il best-seller del momento, vietato in tutti i paesi del Reich, un testo secondo il quale l’Asse sarebbe stato sconfitto dagli Alleati…

UBIK di Philip K. Dick

downloadGlen Runciter comunica con la moglie defunta per avere i suoi consigli dall’aldilà.

Joe Chip scompare dal mondo del 1992 e si ritrova nell’America degli anni Trenta.

Una trappola mortale ha annientato i migliori precognitivi del sistema solare. È in corso una lotta per scrutare il futuro, in un’impossibile dissoluzione del presente; mondi e tempi diversi fluiscono contemporaneamente, la vita si scambia con la morte.

In “Ubik” Philip K. Dick affronta alcuni dei suoi temi più profondi: l’illusione che chiamiamo realtà, la mancanza di un tessuto connettivo e di un principio unificatore al di sotto dell’apparenza delle cose, il mistero di un Dio che tiene i dadi della vita e della morte.


Eccoli! Io non vedo l’ora di leggerli e voi? Fatemi sapere cosa ne pensate!

I commenti sono chiusi.