Te lo dico sottovoce di Lucrezia Scali – Recensione

Sono sicura che avete già sentito parlare di questo libro, sta davvero spopolando!
Lucrezia Scali è una bookblogger, aveva già pubblicato il 5 Marzo 2015 su Amazon come Self-publishing finché la Newton Compton non ne ha acquistato i diritti!
Ho ricevuto la mia copia in omaggio grazie al progetto della Newton Compton “Il club dei lettori” doveva arrivarmi in anteprima, deve aver subito un ritardo alla posta. Ma alla fine sono riuscita a leggerlo!

12483643_10207570256728565_537116630_nMia è una veterinaria di trent’anni, sembra dolce, solare e iperattiva.

Ha una clinica veterinaria e lavora continuamente con gli animali. Io l’ho immaginata come un’eroina dei cani. Si occupa insieme alla polizia di casi di maltrattamenti, prigionia e di abbandono; con un partner, prelevano i cani e li portano nella clinica per curarli ed educarli in modo che possano essere adottati.

Mia però non è felice come vorrebbe. Ha un passato che preferisce non ricordare e una famiglia molto particolare, non viene apprezzata nelle cose che fa. I suoi genitori la vorrebbero sposata e tranquilla a casa, ma non è quello che lei desidera dalla vita.

Non si dà per vinta, vuole continuare per la sua strada, sta per realizzare un progetto davvero importante.

Vuole proporre nell’ospedale pediatrico di Torino alcune sedute di pet-therapy; è un tipo di terapia che consente di curare i pazienti attraverso il sorriso, non con i clown, ma con i cuccioli.

Mia porta in ospedale Bubu, il suo cane, un meticcio che scodinzola senza sosta. Ha una gran voglia di giocare e di conoscere il mondo, è ancora un cucciolo, ed è perfetto per far sorridere i bambini dell’ospedale.  I cani, naturalmente, non guariranno i bambini, ma occuparsi di un cucciolo può risollevare la situazione. I bambini però, non sono tutti uguali, c’è chi ha bisogno di un cane esuberante e chi invece di un cucciolo tranquillo che si lasci curare e coccolare da loro. Il compito di Mia è proprio questo, trovare il cucciolo giusto!

Questo progetto impegna molto la vita di Mia ma, quando riesce, si sforza di conoscere qualche uomo che incrocia il suo percorso. Ci saranno Alberto e Diego che proveranno ad insinuarsi nella sua vita. Tocca a Mia aprire nuovamente il suo cuore ad un uomo e decidere cosa è meglio per lei. Ma non sarà per niente facile.

Cosa è successo a Mia? Perché non riesce più a fidarsi e lasciarsi andare?

E’ una storia davvero originale, Lucrezia è riuscita ad ipnotizzarmi! Fino a questo momento non avevo letto molti libri che trattassero il tema del migliore amico dell’uomo. Avevo già sentito parlare della Pet Therapy in passato, ed è una cosa che mi ha sempre incuriosito. L’amore del cane per l’uomo è naturale, ma difficile da comprendere, delle volte basta una scodinzolata per far tornare il sorriso anche all’uomo più triste.

I bambini sono i migliori giudici dell’amore, loro capiscono e percepiscono tutti gli esseri viventi che hanno intorno. Non hanno filtri, amano incondizionatamente. La cosa bella dei bambini è che non hanno pregiudizi, non pensano: “questo cane è sporco”, pensano “guarda, vuole giocare con me!”.

E’ proprio questo aspetto che li avvicina ai cuccioli, i cani amano sempre e comunque, percepiscono quando l’umano sta male, quando ha bisogno di coccole. Siete mai stati coccolati dal vostro cane? Provateci, vi risolleva l’umore.

Purtroppo tutti diventano grandi, ma il trucco è non dimenticare l’entusiasmo dei bambini, bisognerebbe guardare tutto attraverso i loro occhi. Gli animali ci ricordano proprio questo, bisogna essere sempre un po’ bambini.

Partecipo con questa recensione al DOMINO LETTERARIO DI MARZO organizzato dal gruppo Facebook Passione Blog.

Prima di me è stato il turno di Sara del blog – Diario di un sogno con il libro “La piccola biblioteca con le ali” mi sono ricollegata pensando ai toni rossi di entrambe le copertine.

Dopo di me, ci sarà Luigi di Everpop che ci parla di The Heartbreakers che si collega per la T iniziale e per la coppia in copertina!

Seguiteci! Alla prossima!

 

Precedente L'Herondale scomparso (Le cronache dell'Accademia Shadowhunters #2) - Recensione Successivo Glass Magician di Charlie N. Holmberg - Recensione
  • questo libro mi ha tenuto compagnia durante le vacanze natalizie e l’ho divorato! mi ha emozionato come Lucrezia sia riuscita a raccontare la pet therapy ed il rapporto tra animale e paziente

    • Concordo, è piaciuto anche a me questo aspetto! 🙂

  • Serena Libri che porto con me

    Nutro un amore profondo per il mio cane, ma non ho mai letto nulla di questo argomento..Un libro che vorrei tanto leggere!!

    • Te lo consiglio davvero! Mi ha lasciato il sorriso 🙂 Una lettura piacevole!

  • Deb_Leggendo Romance Blog

    Bubu ha conquistato tutti quelli che hanno letto il libro 🙂

    • Troppo carino, anche gli altri mi sono piaciuti..
      Ma Bubu non lo batte nessuno! 🙂

  • Pingback: Libri, Letture, e (La) Recensione: The Heartbreakers di Ali Novak – EVERPOP()

  • Emanuela

    Non è il mio genere, ma ne ho sentito parlare da tutti bene 🙂

    • Nemmeno il mio, di solito sto alla larga dai “romance”, però con questo ho voluto provare e devo dire che non mi ha deluso.. 🙂

  • La Rapunzel dei libri

    Wow, io adoro gli animali e questo romanzo sembra fare al caso mio. In WL. Grazie Ale xD

  • Ho sentito parlare tantissimo del romanzo di Lucrezia e visto che ce l’ho in eBook sicuramente prima o poi ci faccio un pensierino ^_____^

  • Ho sentito parlare sempre benissimo di questo romanzo, devo per forza recuperarlo. 🙂

  • Federica Caglioni

    Ne ho sentito parlare e mi ispira come libro. Magari nei prossimi acquisti lo inserisco 😀

  • Selisa

    L’ho letto in anteprima grazie al “Club dei Lettori” e mi è piaciuto tantissimo *-* L’ho letteralmente adorato,Lucrezia Scali è bravissima!
    Bella recensione ^-^

  • Non è proprio il mio genere, ma devo dire che ne sento parlare solo molto bene. 🙂