La fuga (The Maze Runner #2) di James Dashner – Recensione

Alla fine del primo libro, abbiamo lasciato Thomas, Teresa e i radunai sopravvissuti al labirinto che sono stati finalmente tratti in salvo; hanno potuto farsi una doccia, mangiare e dormire con dei vestiti puliti. Sembra quasi un sogno rispetto a quello che hanno dovuto subire in mezzo ai dolenti.

12821970_10208017916999792_50084477_n
Quando il mondo non sembra reale, quando il tuo gruppo sembra tradirti, quando tutto sembra un complotto e non trovi risposte, l’unico modo per sopravvivere è la fuga. Il Labirinto e i viscidi Dolenti sono ben poca cosa se paragonati alla lunga marcia che la C.A.T.T.I.V.O. ha pianificato per i Radurai attraverso la Zona Bruciata, una squallida landa inaridita da un sole accecante e sferzata da tempeste di fulmini, popolata da esseri umani che l’Eruzione, il temibile morbo che rende folli, ha ridotto a zombie assetati di sangue. Nelle due settimane in cui dovranno percorrere i centocinquanta chilometri che li separano dal porto sicuro, la loro meta, tra cunicoli sotterranei infestati da sfere metalliche affamate di teste umane e creature senza volto dagli artigli letali, i Radurai dovranno dar prova del loro coraggio e dar voce al loro istinto di sopravvivenza. In questo scenario di desolazione, superando le insidie di città fatiscenti e foreste rase al suolo, il viaggio verso il luogo misterioso in cui potranno ottenere la cura che salverà loro stessi e il mondo diventerà per Thomas, Brenda, Minho e gli altri un percorso di scoperta del proprio mondo interiore, del limite oltre il quale è possibile spingere le proprie paure.

Ma purtroppo, così come il labirinto senza uscita, anche questa pausa è una messa in scena. Qualcuno, nascosto da qualche parte li osserva costantemente, la prima prova è stata superata, ma non è finita.

Gli uomini dietro il vetro hanno altro in mente, quello che i radunai non sanno, è che nel mondo esterno, la popolazione è stata colpita da un virus mortale, l’eruzione. I ragazzi sono l’unica speranza per trovare una cura, ma anche loro sono stati contagiati. L’unico modo per sopravvivere è quello di correre attraverso una landa di terra desolata per raggiungere il porto sicuro dove riceveranno una cura.

Ma il viaggio non sarà semplice, dovranno affrontare: “Gli spaccati” che sono all’ultimo stadio della malattia, le intemperie dovute all’eruzione solare, giornate di caldo afoso alternate a delle forti piogge e fulmini micidiali.

Dovranno scoprire che non bisogna fidarsi di nessuno, che tutti nascondono dei segreti e i traditori si nascondono dietro ogni angolo.

Questa storia mi ha fatto riflettere su tutte quelle sperimentazioni che sono state fatte in passato sugli uomini e che ancora oggi vengono fatte sugli animali.

Nel libro ci confrontiamo con le vittime, coloro che hanno subito l’esperimento e i test, ma nello stesso tempo possiamo facilmente immaginare chi si trova dal lato opposto, dietro il vetro.

Gli ideatori naturalmente non si sentono colpevoli per quello che fanno subire, si dichiarano nel giusto perché stanno facendo qualcosa per il bene comune, un bene superiore.

Se pensiamo alla storia, probabilmente non saremo qui a parlarne se non fosse stato per il sacrificio di qualcuno. Ma è giusto? E’ giusto fare del male giustificandolo come un bene per il futuro?

la CATTIVO è buona. 

Credo che il nome dell’organizzazione sia la parte ironica di questa storia; E’ un acronimo, ma nella versione italiana sembra proprio un gioco di parole per definire il male, le sofferenze e il dolore afflitto al fine di trovare una cura alla malattia.

Alla fine saremo consapevoli che tutta la sofferenza è servita a qualcosa.
Ma il fine giustifica i mezzi?

Ho adorato questo libro, si legge tutto d’un fiato. Non aspettatevi niente di dolce e pacifico, il tradimento è dietro l’angolo. E’ un vero e proprio thriller pieno di colpi di scena! Assolutamente consigliato.

GOODREADSFANUCCI EDITOREl’ANTEPRIMA

Pubblicato il 12 Ottobre 2010 da Delacorte Press con il titolo originale The Scorch Trials

THE MAZE RUNNER

  1. Il labirinto (The Maze Runner #1)
  2. La fuga (The Maze Runner #2)
  3. La rivelazione (The Maze Runner #3)
  4. La mutazione (The Maze Runner #Prequel)

 

Precedente Il diavolo e la signorina Prym di Paulo Coelho - Recensione Successivo Signora della mezzanotte di Cassandra Clare - Blogtour e Giveaway