Eva e L’Assoluto Blog Tour #3: Cover

zzvd

Oggi il blog ospiterà la terza tappa del Blog Tour dedicato al libro Eva e L’Assoluto di Michela Belli (Recensione). In questa tappa vi parlerò della cover del libro!

Devo ammettere che quando compro un libro mi faccio trascinare e ammaliare completamente dalla copertina, ogni volta mi ripeto che così facendo potrei perdermi qualche bella storia, ma nello stesso tempo anche l’occhio vuole la sua parte.

Perciò una domanda che faccio spesso agli autori è quella legata alla copertina..

Quindi, chiediamolo a Michela!

Mentre scrivevi di Eva avevi già in mente una cover o è stata un’idea dell’ultimo minuto?

ImmagineMentre scrivevo non sapevo quale sarebbe stato il destino di Eva, quindi no, direi che non ho mai pensato alla cover. Quando poi ho scelto il self, il primo ostacolo è stata proprio la copertina. Quello che a me non piaceva dei self pub e delle edizioni più indie in generale, erano soprattutto le copertine. Le ho sempre trovate un po’ come dire, approssimative. Quasi sempre poco e per nulla inerenti con la storia o i personaggi o addirittura che ne so, una scena almeno! Così mi sono messa a pensare. Cosa voglio da questa copertina? Deve essere accattivante, certo, ma più di tutto deve essere DIRETTA e onesta.

Come hai scelto l’immagine e i colori?

L’ho pensata in libreria perché sono una che sogna in grande. Chi l’avesse vista avrebbe dovuto capire subito una cosa: il genere di appartenenza, da qui la scelta del fucsia che, caso vuole, è il colore preferito di Virginia, mia figlia. Fatta questa scelta è arrivata la tragedia e ora? Che ci piazzo? E qui è partita la fase di brain-storming con mia sorella Serena che ha curato tutta la grafica della cover. Lo studio che abbiamo fatto da vere neofite è stato molto semplice.

A chi ti sei ispirata? 12033301_10207532226921709_1846629154_n

Chi è l’autrice più famosa di chick Lit? Sophie Kinsella. Come sono le sue cover? Su tutte (almeno nelle mie edizioni) c’è sempre la silhouette di una donna o, comunque, la raffigurazione di una donna. Detto fatto. Ci vuole una silhouette, allora. Ma cosa deve fare? Come ci può raccontare chi sia Eva? Ok, Eva scrive e fa la segretaria allora ci vuole una silhouette è una scrivania magari con un computer…. Così abbiamo iniziato a ricercare immagini gratuite su google e simili e abbiamo fatto i primi tentativi, ma non mi soddisfacevano perché dicevano che lavoro facesse Eva ma non chi fosse. Ho pensato, lei è una che vive con la testa tra le nuvole e ama le parole. Questa è Eva, per questo abbiamo scelto un immagine di una ragazza seduta alla scrivania che aveva lo sguardo rivolto al cielo, al mondo delle idee insomma. Ho detto, eccola! Questa è Eva. Mia sorella ha fatto qualche magia e ha trasformato la foto in silhouette e abbiamo aggiunto una nuvoletta tipo fumetto con lettere a caso. Era ok, ma non quello che volevo. Sembrerà strano, ma quando fai self sei tu ad avere la responsabilità di tutto e io sentivo che non era abbastanza. Sì era carina e molto meglio di molte altre, ma ancora amatoriale. Mia sorella era stata grandiosa, ma non è una disegnatrice. Immagine
Così ho pensato di chiedere aiuto alla mia vecchia e cara amica Natascha Wanvestraut, che di mestiere fa l’illustratrice di moda,
ma credimi è riduttivo perché lei è un’artista a tutto tondo (sul mio blog ci sono tutti i suoi contatti, ti invito a dare uno sguardo è strepitosa). Lei ha detto subito sì. Le ho mandato le nostre idee e dopo un paio di giorni mi ha mandato il disegno che, non so se lo sai, è interamente fatto a mano. Pensa che me l’ha regalato! Hai idea della fortuna che ho? Mi piace sempre ricordare quanto tutti quelli che amo, mi abbiano aiutato nel progetto Eva e l’assoluto. Dalla copertina, all’immaginazione passando per la creazione e la diffusione della pagina ufficiale se facebook fino a mettere la copertina del romanzo come immagine di profilo. Sono fortunatissima. Comunque, mia sorella ha preso il disegno e lo ha inserito nella copertina con un’altra magia “computeresca” abbiamo fatto un paio di tentativi per la scelta del carattere che io volevo misto e il gioco era fatto avevamo la copertina che dei miei sogni.11713379_10206379774007241_323906714_n

Io adoro le copertine con i colori forti! Quindi in libreria questo fucsia mi avrebbe colpita particolarmente!

Ho visto che inizialmente il colore era più chiaro, perché hai deciso di cambiarlo?

Il fucsia era più chiaro perché all’inizio mia sorella lavorava su paint poiché facevamo tutto durante i turni di lavoro in hotel una volta deciso tutto, ha lavorato da casa sua con il computer del marito che invece, facendo il grafico pubblicitario, ha un super computer con mille software di grafica!

E voi che ne pensate?

La scelta della cover è vincolante o pensate che non si giudichi un libro dalla copertina?

Vi ricordo brevemente le regole per partecipare al Giveaway e poter vincere una copia autografata del romanzo!

  1. Dovete essere lettori fissi di tutti i blog che ospitano il Blog Tour (Blog Expres, Da una stella cadente all’altra, Leggere è un modo di volare senza ali, Scintille d’anima, Lily’s Bookmark e Stanza Antipanico )
  2. Commentare tutte le tappe
  3. Mettere mi piace alla pagina facebook di Eva e L’Assoluto
  4. Condividere su Facebook e/o su Twitter usando l’hashtag #evaelassoluto
E qui il form da compilare per assicurarsi di venire estratti!!

Buona fortuna!!!
a Rafflecopter giveaway

Precedente Il creasogni di Simone Toscano - Citazioni Successivo Timebound, nel vortice del tempo di Rysa Walker - Recensione

13 commenti su “Eva e L’Assoluto Blog Tour #3: Cover

  1. Alessia Crescenzo il said:

    Io adoro guardare e giudicare le copertine. Certo una bella copertina non rende bello il libro, e quindi nella mia valutazione finale di un libro la sua copertina non incide per nulla, ma anche se il libro si rivelerà un disastro, sarà almeno piacevole da guardare nella propria libreria 😀

  2. Pingback: tappa IV Blogtour “Eva e l’assoluto” di Michela Belli, parliamo di… editoria! | Scintille d'Anima

  3. Laura Famcuore il said:

    l’intervista e ‘ precisione e dettaglio nella semplicita’ dello scorrere della lettura .. trovo abbia colto nel segno il tutto brava

  4. Mi è piaciuta un sacco quest’intervista! Sono sempre stata curiosa di conoscere le dinamiche che stanno dietro alla scelta della copertina definitiva, a tutta la sua evoluzione…

  5. Jiujiuk7 il said:

    Complimenti Ale! Questa tappa è davvero bella e interessante! Anch’io quando compro un libro, devo ammettere che guardo per prima cosa la copertina! E una copertina fucsia come questa mi attirerebbe subito sugli scaffali di una libreria!! E’ bellissimo sapere che l’autrice Michela Belli sia stata aiutata dalla sorella in questo suo progetto, e anche dagli amici più stretti! Questo libro mi piace davvero tanto, e sarebbe fantastico poterlo leggere!!
    Ho condiviso con piacere sui miei social:
    Google+: https://plus.google.com/105797154130927467491/posts/bRdTXNaN9JX
    Twitter: https://twitter.com/jiujiuk7/status/657908703769841665
    Pinterest: https://www.pinterest.com/pin/427138345888301926/

    Seguo tutti i blog partecipanti con il nick Jiujiuk7 e su Fb sono iscritta con il mio nome Giulia Mancosu! Questa è la mia mail: [email protected]
    Ti mando un forte abbraccio!

  6. Luigi Dinardo il said:

    Bell’intervista. Da queste righe si possono scorgere anche particolari interessanti per chi non sa come nasce un libro e per cosa c’è dietro. Non sembra, ma bisogna stare attenti ai dettagli. Sono quelli che spesso fanno la differenza! Ribadisco la trama interessante e i personaggi simpatici. Partecipo anche a questa tappa 😉 ps sono iscritto col nome di Luigi Dinardo

  7. Loriana Lucciarini il said:

    Ho letto tutto l’articolo con interesse e faccio i miei complimenti ad Ale per la dettagliata intervista. I miei complimenti anche all’autrice per la scelta della copertina: è davvero azzeccata e attira sicuramente il lettore. A me piace molto. Brave entrambe!

  8. Pingback: [ospiti] – Parte oggi il blogtour di “Eva e l’assoluto” con estrazione finale premio in libri: Scintille ospita la tappa n. 4 | Scintille d'Anima

Lascia un commento