Nome in codice “Nefthe” di Gero Marino – Pagina 99

Dicono che per capire se un libro ti piacerà basti leggere la 99esima pagina.

Vi invito a postare una frase a scelta dal libro che state leggendo in questo momento, rigorosamente da pag. 99!

12483569_10207528257558612_916717929_n
All’alba dell’anno 2034, un supercomputer di ultima generazione SK-6000 viene installato nella stazione radioastronomica Falcon Zeta della città italiana di Massigallia. Il nuovo apparecchio, unito alle capacità delle imponenti antenne radio, promette buone speranza di captare un più ampio spettro di onde elettromagnetiche provenienti dalle più remote profondità dell’Universo. Il turno di notte spetta a Max Petrelli, un giovane ricercatore laureato in astrofisica, non molto avvezzo con il nuovo arrivato della Tripla I. Fra lui e il computer si istaura un rapporto a dir poco singolare e in una notte apparentemente come tante altre, uno strano messaggio sembra essere giunto da molto, molto lontano.

STO LEGGENDO 

Nome in codice “Nefthe” di Gero Marino

 

Lo sai che questo è offensivo no? Nel tuo gergo da calcolatore mi stai dicendo che avere a che fare con me è solo una sciocchezzuola, rispetto a tutto il tuo da fare nell’Universo. Bene, visto che abbiamo presto confidenza a dovere, sai cosa ti dico? Erano meglio i computer di una volta, quelli che obbedivano senza emettere alcun suono e che eseguivano gli ordini semplicemente premendo un bottone!” Disse Max nell’intento di sfogarsi.

Non sarebbero mai riusciti a captare il segnale che ho accuratamente selezionato fra tutti gli altri centinaia originati nelle radiazioni di fondo che attraversano le correnti dello spazio siderale.” rivelò Fred.

Ancora quel segnale? Fred, forse non riesci a capire, nn voglio diventare lo zimbello di Messigallia o, peggio ancora, di tutto il mondo della radioastronomia, lo “processi” questo?” Spiegò Max irritato.

242 pagine – CreateSpace – 31 ottobre 2015 – Amazon – GOODREADS

Precedente Apoptosis di Renato Mite - Pagina 99 Successivo Time's Edge di Rysa Walker - Recensione